Notizie di cryptovalutaIl Kazakistan indaga su Coinbase per riciclaggio di denaro durante la repressione del settore delle criptovalute

Il Kazakistan indaga su Coinbase per riciclaggio di denaro durante la repressione del settore delle criptovalute

Coinbase è sotto indagine in Kazakistan per presunto riciclaggio di denaro mentre la nazione intensifica la repressione nel settore delle criptovalute. Il più grande exchange di criptovalute degli Stati Uniti, Coinbase, è stato preso di mira per un'indagine sul riciclaggio di denaro in Kazakistan, come riportato dal quotidiano locale Kursiv.

Il Ministero della Cultura e dell'Informazione del Kazakistan ha confermato il blocco di Coinbase nel paese per aver violato le normative locali sulle risorse digitali. Allo stesso tempo, il governo ha revocato con discrezione il divieto nei confronti di Interactive Brokers e del New York Mercantile Exchange (NYMEX), precedentemente bloccati all’inizio di quest’anno.

Il Ministero dell'Informazione afferma che l'accesso di Coinbase è stato limitato a seguito di una richiesta del Ministero dello Sviluppo Digitale, a causa delle attività di scambio di criptovalute dell'exchange. Ciò viola la legge del Kazakistan sulle risorse digitali, in particolare la clausola 5, articolo 11, che vieta l’emissione, la circolazione di risorse digitali non assicurate e il funzionamento degli scambi che scambiano tali risorse.

Diverse piattaforme come Binance e Upbit sono state autorizzate a gestire scambi di criptovalute in Kazakistan, ma solo all'interno della zona economica speciale dell'Astana International Financial Center (AIFC). Coinbase, un'importante piattaforma globale di trading di criptovalute, è stata bloccata ai sensi del Communications Act perché non disponeva dell'autorizzazione necessaria per operare in Kazakistan al di fuori della giurisdizione dell'AIFC.

In precedenza, anche Interactive Brokers e la borsa di materie prime NYMEX avevano problemi di accesso. La Financial Monitoring Agency aveva accusato Interactive Brokers di attività fraudolente e l'aveva incluso nel database di censura statale, mentre NYMEX era stato accusato di scambio non autorizzato di futures Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH) da parte dell'AIFC.

Tuttavia, il Ministero dell'Informazione ha ripristinato l'accesso a Interactive Brokers per volere dell'Agenzia di monitoraggio finanziario. Le ragioni per sbloccare il NYMEX, che continua a scambiare futures crittografici al di fuori dei regolamenti AIFC, rimangono non divulgate.

Il blocco delle principali piattaforme di trading straniere come Coinbase è stato criticato da esperti, tra cui l'economista Rasul Rysmambetov, che lo ha etichettato come un grave errore. Egli suggerisce che potrebbe esserci stata una mancanza di un'adeguata analisi del sito da parte di specialisti di tecnologia prima di prendere tali decisioni.

Secondo la normativa AIFC, le società straniere possono richiedere licenze per offrire servizi finanziari e tecnologici nella zona economica speciale, previa approvazione del comitato di regolamentazione dell’AFSA. Le aziende che non soddisfano immediatamente tutti i requisiti possono comunque ottenere l’accesso aderendo a un sandbox normativo “FinTech Lab”.

Pertanto, mentre Coinbase è ancora bloccato in Kazakistan a causa di violazioni delle criptovalute, l’inspiegabile riattivazione di Interactive Brokers e NYMEX ha lasciato sconcertati gli esperti. Il governo mantiene standard rigorosi per le piattaforme commerciali estere, monitorando attentamente qualsiasi attività che potrebbe contravvenire alle normative locali.

source

Unisciti a noi

12,746FanCome
1,625SeguaciSegui
5,652SeguaciSegui
2,178SeguaciSegui
- Annuncio pubblicitario -