Notizie di cryptovalutaCorso sui grafici del Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria per l'informativa sulle criptovalute entro il 2025

Corso sui grafici del Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria per l'informativa sulle criptovalute entro il 2025

Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (BCBS) ha lanciato piani di divulgazione unificati per le principali banche riguardanti le loro partecipazioni in criptovalute, con un obiettivo di implementazione entro il 2025.

In ottobre 18, il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (BCBS), un conglomerato di organismi di vigilanza bancaria globale, ha introdotto protocolli preliminari per colmare il divario tra la finanza convenzionale e le valute digitali. Esortano le principali entità bancarie a svelare i loro rapporti con le criptovalute entro la scadenza prevista del 2025.

Il CBVB è fiducioso che progetti di divulgazione uniformi garantiranno uno scambio di dati senza soluzione di continuità tra le banche. Questa uniformità favorisce le banche e offre anche una lente trasparente affinché gli operatori del mercato possano percepire gli sforzi delle banche nel campo delle criptovalute. Secondo i protocolli appena introdotti, le banche hanno il compito di condividere approfondimenti descrittivi sulle loro operazioni basate sulle criptovalute. Inoltre, hanno il compito di rivelare dati che individuino il loro coinvolgimento nello spazio delle valute digitali, tenendo conto dei relativi parametri di capitale e liquidità.

I protocolli sottolineano inoltre la necessità che le banche chiariscano le basi contabili per le loro partecipazioni e debiti in criptovalute. Il motivo sembra essere quello di fare chiarezza in un’arena in cui gli standard contabili delle criptovalute fluttuano in modo significativo.

Sebbene etichettati come “avvisi”, i protocolli del BCBS esercitano tradizionalmente un vasto peso. I paesi allineati con la Banca dei Regolamenti Internazionali in genere integrano questi parametri di riferimento nel loro apparato normativo nazionale.

Il passo avanti del Comitato di Basilea verso le linee guida crittografiche non è uno sforzo inaugurale. Nel dicembre 2022, hanno delineato le direttive sui buffer di capitale che le banche devono allocare per le diverse classi di criptovalute. In particolare, hanno consigliato che i rapporti delle banche con alcune varietà di criptovalute, tra cui stablecoin, asset tokenizzati e criptovalute non ancorate, dovrebbero idealmente aggirarsi al di sotto dell'XNUMX%, con un limite massimo del XNUMX%.

Il BCBS è aperto a ricevere approfondimenti su questa bozza fino al 31 gennaio 2024. Dopo l’approvazione, la comunità finanziaria può anticipare che questi protocolli entreranno in vigore entro il 1° gennaio 2025.

source

Unisciti a noi

12,746FanCome
1,625SeguaciSegui
5,652SeguaciSegui
2,178SeguaciSegui
- Annuncio pubblicitario -